percorso sul mostrarsi in scena e agli altri.

-il percorso prevede dieci incontri di pratica teatrale attraverso esercizi e giochi mirati asperimentare peculiarità dell’arte del teatro: il mostrarsi ed il dirsi attraverso anche la sperimentazione ditecniche quali quelle del clown, della narrazione, delle maschere.
-si prevedono partecipanti delle scuole elementari, medie inferiori e medie superiori, ma non classi miste!
-il percorso risulta particolarmente indicato là dove siano presenti disagi di tipo espressivo o altro
-non si prevede la produzione di elaborati artistici che tuttavia potrebbero esserci.
.
E’ un modo per conoscere il teatro e da cosa è composto senza doversi obbligare e limitare alla mera rappresentazione (che prevede tutt’altro percorso). Conoscere il teatro nei suoi vari elementi e giocarlo in prima persona senza dover essere soltanto materia prima per il regista.
Qui si propone di divertirsi a provare le maschere e il naso rosso del clown senza ansia di doversi ricordare a memoria un testo, qui si propone di sentire l’emozione di essere davanti ad un pubblico senza dover far altro che esserci (ne’ parlare, ne’ recitare; metter insieme l’esser in scena, il recitar-parlando e la gestione dell’emozione prevede davvero tutt’altro percorso!)
Insomma che si diverta il bambino a conoscere il teatro e non il teatrante a far teatro con i bambini spostandoli, mettendo loro delle parole in bocca etc etc.
*Testi di riferimento per le insegnanti: “Tutti giù dal palco” di G.Scaramuzzino
.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *